Bergamo  |  Clusone  |  Endine


SEDE DI ENDINE GAIANO

Per quanto riguarda la “Casa” di Endine Gaiano, nel 1941, la struttura viene devoluta al Patronato San Vincenzo, per la stima che le suore, precedenti proprietarie dell’edificio, nutrono nei confronti di Don Bepo Vavassori e della sua opera.

Don Bepo non perde tempo e già nel 1942 assegna alla Casa di Endine un direttore responsabile: è Don Giovanni Fogaroli, al quale affida il compito di trasformarla in una famiglia gioiosa per tanti ragazzi. Don Fogaroli assolve egregiamente la missione affidatagli da don Bepo e, nei 46 anni trascorsi nella casa di Endine, crea una comunità che cresce, educa e istruisce generazioni di ragazzi preparandoli a essere uomini sia nella vita sia nel mondo del lavoro.
Dal 2003, per la prima volta, dopo anni, la campanella suona per un gruppo di ragazzi e ragazze le cui famiglie danno fiducia a cinque giovani docenti… così rinasce il Patronato che a Endine, per alcuni anni, aveva interrotto le proprie attività formative. Da quella prima campanella, si sono sviluppati una serie di corsi e di indirizzi che vedono una sempre più crescente partecipazione e frequenza di ragazzi.

La nostra scuola oggi conta circa 250 iscritti, suddivisi in quattro indirizzi: “Operatore del benessere: acconciatura”, “Operatore del benessere: estetica”, “Operatore amministrativo segretariale: informatica gestionale” e “Operatore del legno: manutenzione di immobili”.
Il consentire alle persone di accedere al mondo del lavoro e rimanervi è un elemento importante del ruolo dell’istruzione e della formazione per il rafforzamento della coesione e inclusione sociale. Ecco perché, le attività del CFP di Endine Gaiano si rivolgono anche agli adulti, con corsi di formazione professionale nell’area socio-sanitaria, informatica, linguistica, logistica, benessere, apprendistato. Vengono inoltre attivati percorsi di orientamento al lavoro per disoccupati, inoccupati, cassaintegrati e persone in mobilità.

SEDE DI BERGAMO

E’ la prima casa del Patronato, quella dove tutto ha avuto inizio. 1926: dopo giorni di ricerca, don Bepo nota lungo via Conventino, in zona Malpensata, una vasta area abbandonata ingombra di laterizi e macerie. Si tratta delle ex Fornaci Murnigotti in stato di abbandono. Pochi giorni dopo firma il contratto di locazione con il proprietario Ernesto Berner: 10.000 lire l’anno per un terreno di 14.600 m2 e una palazzina di 144 m2. Il 09 ottobre 1927 i primi dodici ragazzi varcano la soglia della nuova sede: inizia così l’avventura del Patronato S. Vincenzo.

Ad oggi la struttura ospita innumerevoli realtà tra cui appunto la sede di Bergamo di AFP che conta circa 600 ragazzi ed offre, oltre ai corsi di formazione professionale, servizi formativi per aziende e privati.

La sede di Bergamo configura la sede legale dell’ente, qui infatti sono posti gli uffici di Direzione Generale ed i servizi centralizzati.

SEDE DI CLUSONE

Nel 1950, per celebrare degnamente l’Anno Santo, il commendatore Francesco Giudici intercede presso il conte Piero Fogaccia e le sorelle, affinché facciano dono al Patronato S. Vincenzo di un terreno in via S. Lucio presso la stazione ferroviaria. Nel dicembre dello stesso anno il conte firma l’atto di donazione di 6.500 metri di terreno e di una villetta a don Bepo il quale inizia subito a realizzarvi il futuro Centro di Formazione Professionale ed una casa di accoglienza tanto che il  07 ottobre 1952 don Giuseppe Rota, con 12 ragazzi, entra nella casa ancora in costruzione. È  l’inizio di un’avventura destinata ad espandersi fino a raggiungere nel 1970 la ragguardevole cifra di 320 ospiti. Non solo: durante l’estate la casa diventa colonia per centinaia di ragazzi da ogni parte d’Italia.

Nel 1961, con l’improvvisa morte di don Giuseppe Rota, direttore della casa diventa don Martino Campagnoni. Sulla fine degli anni ’80 la casa è costretta a chiudere l’internato, mentre, convenzionato con Regione Lombardia, continua a funzionare il Centro di Formazione Professionale con oltre 200 alunni.

Oggi  il CFP “Patronato San Vincenzo” di Clusone, col direttore Luigi BETTOLI ospita oltre 300 studenti, è  sede accreditata da Regione Lombardia di una Agenzia del Lavoro, inoltre eroga corsi per AUSILIARIO SOCIO-ASSISTENZIALI e OPERATORE SOCIO SANITARIO nonché corsi per apprendisti e per lavoratori in difficoltà occupazionale.